2 marzo 1945, Monumenti colpiti

Distruzione e ricostruzione: il caso di Santa Maria dei Miracoli

Il 2 marzo 1945 Brescia subisce l’ennesima incursione aerea che ne devasta il centro storico: edifici come la chiesa di Sant’Afra vengono completamente rasi al suolo. Le bombe non risparmiano neppure la quattrocentesca chiesa di Santa Maria dei Miracoli, uno dei tanti gioielli della città. La chiesa, seppur gravemente lesionata, si salva dalla devastazione totale nonostante un ordigno centri in pieno l’interno, causando danni a cupole, volte e decorazioni. Fortunatamente la facciata resiste grazie alla protezione in legno eretta prima del conflitto dalla Soprintendenza. A pagina 138 del documento “Il destino del patrimonio artistico bresciano” dell’architetto Carlotta Coccoli potete trovare la fotografia che ritrae l’edificio religioso dopo l’incursione aerea. Il 5 e 6 maggio 1945 il tenente Perry Blythe Cott (responsabile regionale per la “Monuments, Fine Arts and Archives Subcommission”) effettua un sopralluogo dei monumenti più danneggiati. Accompagnato da Ugo Baroncelli, direttore della Queriniana, egli visita anche la chiesa di Santa Maria dei Miracoli, dove il recupero delle macerie e le prime opere di ripristino sono già in corso: infatti, grazie all’intervento della Soprintendenza ai monumenti della Lombardia, l’ipotesi di abbattimento dell’edificio viene completamente accantonata. Il compito di dirigere il cantiere, senza dubbio impegnativo e complicato, viene affidato a Piero Gazzola. In questo caso egli ricorre a tecniche assolutamente moderne, dando ampio spazio all’utilizzo del calcestruzzo armato, che viene impiegato principalmente per le parti non visibili, vale a dire il sottotetto e le strutture di fondazioni. Nel 1953, a distanza di otto anni dalla fine del conflitto, il restauro dell’edificio è finalmente terminato.

Scheda della chiesa di Santa Maria dei Miracoli

Raggiungi la chiesa di Santa Maria dei Miracoli

Le rovine della chiesa di Santa Maria dei Miracoli dopo l'attacco aereo del 2 marzo 1945. Per gentile concessione della dott.ssa Carlotta Coccoli (Facebook: Monuments Men in Italy)

Le rovine della chiesa di Santa Maria dei Miracoli dopo l’attacco aereo del 2 marzo 1945. (Per gentile concessione della dott.ssa Carlotta Coccoli. Facebook: Monuments Men in Italy)

Annunci
Standard

4 thoughts on “Distruzione e ricostruzione: il caso di Santa Maria dei Miracoli

  1. Pingback: Distruzione e ricostruzione: il caso della chiesetta di San Marco Evangelista | Brescia bombardata: le incursioni aeree della seconda guerra mondiale

  2. Pingback: L’incursione aerea del 2 marzo 1945: la conta dei danni | Brescia bombardata: le incursioni aeree della seconda guerra mondiale

  3. Pingback: Ricordando l’incursione aerea del 2 marzo 1945 | Brescia bombardata: le incursioni aeree della seconda guerra mondiale

  4. Pingback: I tesori di Brescia al riparo dalle incursioni aeree | Brescia bombardata: le incursioni aeree della seconda guerra mondiale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...