2 marzo 1945, La stampa parla dei bombardamenti, La testimonianza, Per non dimenticare

2 marzo 1945: il viaggio di Lodovico Galli tra le rovine di Brescia

Lo storico bresciano Lodovico Galli scrive una lettera al direttore del Giornale di Brescia in cui racconta la drammatica esperienza vissuta il 2 marzo 1945. Quel giorno, la città di Brescia viene sottoposta ad una violenta incursione aerea diurna. Continua a leggere

Standard
F.A.Q., La stampa parla dei bombardamenti, La testimonianza

“Pippo” e l’operazione “Night intruder”

<<C’è Pippo, spegni la luce!>> “Pippo”… quanto mistero attorno a questo pericolo notturno che provocava così tanta apprensione nella popolazione del nord Italia. Dal 1943, oltre all’inasprirsi delle incursioni aeree, gli italiani dovettero fare i conti con una minaccia che appariva all’improvviso, quando le tenebre avvolgevano tutto e tutti. Continua a leggere

Standard
2 marzo 1945, La testimonianza, Per non dimenticare

Lettera al Direttore del “Giornale di Brescia”: l’incursione aerea del 2 marzo 1945

Il sig. Antonio Cristini, testimone oculare dell’incursione aerea del 2 marzo 1945, scrive al Direttore del “Giornale di Brescia”.

La lettera

Le rovine della chiesa di Santa Maria dei Miracoli dopo l'attacco aereo del 2 marzo 1945. (Per gentile concessione della dott.ssa Carlotta Coccoli (Facebook: Monuments Men in Italy)

Le rovine della chiesa di Santa Maria dei Miracoli dopo l’attacco aereo del 2 marzo 1945. (Per gentile concessione della dott.ssa Carlotta Coccoli. Facebook: Monuments Men in Italy)

Standard
13 luglio 1944, La testimonianza, Per non dimenticare

“Vi racconto il bombardamento del 13 luglio 1944”

13 luglio 1944: una bambina che vive nel centro storico di Brescia sopravvive alla terribile incursione aerea che si abbatte sulla città. Nel 2009 Annamaria racconta al Giornale di Brescia quei terribili istanti.

Leggi l’intervista

La stampa ricorda l'attacco del 13 luglio 1944: sullo sfondo si può notare il tratto di via Mazzini che conduce all'ingresso del rifugio antiaereo costruito sotto il castello

La stampa ricorda l’attacco del 13 luglio 1944: sullo sfondo si può notare il tratto di via Mazzini che conduce all’ingresso del rifugio antiaereo costruito sotto il castello

Standard