2 marzo 1945, Eventi, Il patrimonio monumentale di Brescia, La protezione del patrimonio artistico di Brescia, La ricostruzione di Brescia, Monumenti colpiti

25/26 marzo 2017: la “sala del Moretto” di Palazzo Salvadego visitabile grazie al Fai

Il 25 e 26 marzo 2017, durante le “Giornate di Primavera” organizzate dalla delegazione Fai di Brescia, sarà possibile visitare la celebre “sala del Moretto”, ubicata presso Palazzo Salvadego (Martinengo da Padernello) di via Dante, 17. Continua a leggere

Annunci
Standard
13 luglio 1944, F.A.Q., Monumenti colpiti

13 luglio 1944: sanguina il cuore di Brescia. Colpito il Duomo Nuovo

Sono le ore 10:00 del 13 luglio 1944 quando il preallarme annuncia sinistramente l’ennesimo attacco proveniente dal cielo. Nel giro di un’ora cinque formazioni di quadrimotori sorvolano la città: dieci minuti dopo aggrediranno l’aerea del cimitero Vantiniano ed il centro cittadino. La cupola del Duomo Nuovo (la terza per grandezza in Italia) viene colpita da un ordigno ed è in fiamme. L’incendio darà parecchio filo da torcere ai vigili del fuoco, che lavoreranno incessantemente sino a tarda notte. La struttura ne esce lesionata, ma non distrutta: molti di voi si staranno chiedendo come sia stata evitata la catastrofe.  Continua a leggere

Standard
2 marzo 1945, Il patrimonio monumentale di Brescia, Monumenti colpiti, Per non dimenticare, Tracce della guerra

L’incursione aerea del 2 marzo 1945: la conta dei danni

Il 2 marzo 1945 Brescia viene attaccata per l’ennesima volta dagli Alleati. I danni subiti dalla città sono ovviamente pesantissimi. Ecco, nel dettaglio, cosa recita il bollettino di guerra di quel giorno: Continua a leggere

Standard
2 marzo 1945, Monumenti colpiti

Distruzione e ricostruzione: il caso di Santa Maria dei Miracoli

Il 2 marzo 1945 Brescia subisce l’ennesima incursione aerea che ne devasta il centro storico: edifici come la chiesa di Sant’Afra vengono completamente rasi al suolo. Le bombe non risparmiano neppure la quattrocentesca chiesa di Santa Maria dei Miracoli, uno dei tanti gioielli della città. Continua a leggere

Standard
2 marzo 1945, Monumenti colpiti

2 marzo 1945: la distruzione della chiesa di Sant’Afra

Brescia, 2 marzo 1945: sono le 12.20 quando le sirene del “grande allarme” annunciano sinistramente la minaccia rappresentata dalla presenza di aerei “nemici” attorno alla città. Dopo 20 minuti gli apparecchi degli alleati sono già sul cielo di Brescia. In un lasso di tempo di 15 minuti la città subisce danni incalcolabili. La meravigliosa chiesa di Sant’Afra (oggi Sant’Angela Merici) viene praticamente polverizzata: dell’edificio religioso restano poche briciole. Continua a leggere

Standard